Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
SCIENZE Scuola di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
Home page > Mobilità internazionale > studenti Erasmus e coronavirus > mobilità interrotte o continuate a distanza

mobilità interrotte o continuate a distanza

RIEPILOGO

  1. Mobilità interrotte, ma continuate attraverso didattica a distanza in Italia

Data l’eccezionalità della situazione, per gli studenti in mobilità Erasmus è stata chiesta all’Agenzia Nazionale Indire la possibilità che siano considerati a tutti gli effetti studenti in mobilità e siano pertanto riconosciuti i CFU in mobilità agli studenti che intendono seguire le lezioni a distanza dall’Italia o continuare in Italia il tirocinio in smart working.

Per i bandi extra-UE emanati dall’Ateneo, la risposta è sì. Gli esami potranno essere sostenuti nelle sedi dove gli studenti erano, in caso di superamento dell’emergenza, online ove possibile, organizzandoli in dovuto anticipo.

Il periodo trascorso in Italia non sarà coperto dalla borsa.  Se uno studente rientra in questa casistica dovrà seguire il learning agreement che è stato approvato prima della sua partenza, in quanto risulterà a tutti gli effetti in mobilità, sebbene solo virtuale. Parallelamente alle attività offerte online dall’ente/università ospitante, potrà riprendere le attività didattiche presso l’Università, erogate al momento a distanza. Contattando l’Ufficio che gestisce la tua mobilità potrai verificare se sia necessario ridefinire il tuo Learning Agreement.  

  1. Mobilità interrotte

Le mobilità che, per “causa di forza maggiore” generata dall’emergenza sanitaria “Covid-19”, sono state interrotte in anticipo (con o senza il rispetto della durata minima), causa comprovata da comunicazione dello studente e verificata dall’ateneo, per quanto riguarda le mobilità Erasmus dovranno essere autorizzate dall’Agenzia Nazionale Erasmus+ Italia.

In caso di bandi extra-UE emanati dall’Ateneo, sarà l’Ufficio che gestisce il bando ad autorizzare l’interruzione, su richiesta dello studente.

In caso di mobilità interrotte, gli studenti possono richiedere il rimborso dei costi già sostenuti e che non è stato possibile recuperare tramite compagnie di viaggio, agenzie di viaggio, assicurazioni e/o altri soggetti. 

È pertanto necessario conservare biglietti, fatture/scontrini, ricevute e qualsiasi documentazione comprovante sia le spese sostenute dallo studente che il loro mancato rimborso.

La procedura per richiedere il riconoscimento della causa di forza maggiore sarà comunicata in seguito. 

 
ultimo aggiornamento: 24-Mar-2020
Unifi Home Page

Inizio pagina